da Redazione*

Riparte un grande campionato di Serie C. Il volto giovane del calcio che fa bene al Paese, scandito dal ritorno del pubblico negli stadi, si appresta a ripartire. Durante il Consiglio Direttivo odierno Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, con slancio sottolinea: “Ringrazio il presidente federale Gabriele Gravina. Un ringraziamento va anche a Valentina Vezzali, Sottosegretaria allo Sport, per la riapertura degli stadi fino al 50% della loro capienza.

I presidenti dei club hanno bisogno di sponsor e di incassi da botteghino, non ce la fanno più. Il campionato della Serie C sarà certamente avvincente, rappresentativo di 19 regioni italiane”.

Determinati i ripescaggi, sul punto Ghirelli è secco: “Ho detto al Consiglio Direttivo che proporrò alla prossima assemblea della Serie C di abolire i ripescaggi e le riammissioni. Noi iniziamo la riforma e mettiamo fine ad un serie di contenziosi spiacevoli. Questo, si sappia, lo porteremo a credito sul tavolo delle riforme quando parleremo di sostenibilità economico-finanziaria e di riforma di sistema. Se qualcuno pensa che la riforma del calcio italiano sia l’istituzione della Serie C di élite ha sbagliato clamorosamente. La riforma è del calcio italiano, di tutti i campionati. Credo che il presidente della FIGC Gravina sulla riforma di sistema non abbia dubbi. Io non lo tirerò per la giacca perché so che le sue idee vanno rispettate e su esse ci si deve confrontare”.

“Ultimo, la riforma è sostenibilità” conclude Ghirelli: “Sostenibilità vuol dire una nuova e diversa ripartizione delle risorse, ma anche flessibilità dei contratti oltre che una riforma della legge Melandri. Una ulteriore occasione da non perdere è il PNRR, che può rappresentare uno strumento per l’ammodernamento degli stadi in un’ottica di sviluppo urbano e sociale”.

da Redazione*

La Lega Pro commemora la Giornata della Memoria, il 27 gennaio, e lo fa, in particolare, ricordando Gino Bartali.

È stato spedito un pallone alla famiglia Bartali a nome della stessa Lega e dei suoi club.

"Il ricordo di Gino Bartali è vivo ed è parte integrante della storia del nostro Paese - spiega Francesco Ghirelli, Presidente Lega Pro-i suoi insegnamenti sono attuali così come i suoi valori legati allo sport, al confronto, al fair-play, al rispetto degli avversari, al cuore che metteva in ogni sfida."

La Lega Pro è il calcio dei valori ed è impegnata ogni giorno in iniziative legate al sociale con i suoi 59 club, che rappresentano 17 regioni italiane. In 15 mesi sono state realizzate 1.650 iniziative, di cui oltre 500 legate all'emergenza socio-sanitaria dettata dal COVID-19, che hanno visto impegnati club, dirigenti, allenatori, giocatori e tifosi.

"Il Giorno della Memoria, data che ha un profondo significato - conclude Ghirelli- la leghiamo anche al ricordo di Bartali e il dono del nostro pallone alla sua famiglia è il nostro ringraziamento, ma anche l'impegno continuo a declinare il calcio ai valori."

 

* tratto da cominicarto stampa Lega Serie C

di Alessandro Claudio Giordano

Cinquecento ottanta milioni  di euro annui questo è il valore economico  e sociale che la Serie C genera. In buona sostanza ogni euro che la Lega Pro e dalle società  di categoria investono triplicano di valore. Questo è quanto dice il primo studio di impatto presentato a Roma e realizzato  con la partnership di ItaliaCamp.

  "Un percorso che portiamo avanti con entusiasmo e convinzione - sottolinea il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli - ma non senza difficoltà. C'è un problema di sostenibilità economica che va affrontato. Non possiamo rischiare di ridimensionare il numero dei club perché verrebbe meno una parte fondamentale di quel reti."

 

da Redazione

“Vieni qui che non puoi correre con le scarpe slacciate”: una frase semplice ma che assume un significato diverso se è un giocatore a pronunciarla e ad allacciare gli scarpini di un bambino. Il giocatore in questione è Carlo Pelagatti, difensore del Padova, scenario la partita di domenica scorsa Gubbio-Padova: i giocatori entrano in campo accompagnati da ragazzini che indossano le maglie delle due squadre. Uno di loro ha una scarpa slacciata, Pelagatti se ne accorge, glielo fa notare e gliela allaccia. Un gesto tenero, di quelli che rientrano nei valori e nei comportamenti tanto cari alla Lega Pro e al Presidente Ghirelli che non può che congratularsi: “E’ anche da piccoli gesti come questi che si cambiano le cose e la mentalità”.

Foto Credit Simone Grilli / As Gubbio 1910

 

 

 

 

 

 

 

*Ufficio Comunicazione Lega Italiana Calcio Professionistico